Home

“LapianTiamo” è un’Associazione No Profit nata ufficialmente il 29 gennaio 2013 con lo scopo di facilitare l’uso terapeutico della canapa medicinale  ad ogni paziente affetto da patologia e offrire supporto, informazioni  e idee utili per affrontare il duro percorso della malattia.

L’Associazione è affiancata da altre realtà e movimenti nazionali ed internazionali e si avvale della collaborazione di numerosi medici, avvocati, professionisti e sostenitori che quotidianamente operano senza fini di lucro e con il solo scopo di donare semplice speranza a chi è costretto ad una vita di sofferenze.

Ricordiamo che LapianTiamo e’ un’Associazione fondata (e in gran parte formata) da malati e per aiutare malati, ma si rivolge a tutti; ognuno può fare la differenza.


Hai una patologia? Ritieni che l’utilizzo di Cannabis potrebbe alleviare sofferenze legate ad un disturbo che non riesci a curare?

Ti servono informazioni su Cannabis Oil, terapie con infiorescenze o hai sentito parlare dell’utilizzo della Cannabis per trattare i sintomi di una patologia particolare?

Siamo disposti a darti consigli di qualsiasi genere: contatti di medici prescrittori e di farmacie che effettuano trasformazioni galeniche (olio, tinture, capsule, creme…). Ma soprattutto, grazie al feedback dei pazienti che assumono, consigli utili su come avere un approccio ottimale a questa tipologia di terapie.

Sostienici e fai parte subito del nostro Progetto Pilota!

Non ti costa nulla e per avere risposta alle domande che cerchi ci impieghi solo pochi minuti!

Scarica sotto il Questionario 1-A e compilalo in tutte le sue parti. Riceverai una risposta con informazioni dettagliate per il tuo caso.

Questionario Per Pazienti Con Modulo Amico Speciale Usufruitore
Questionario Per Pazienti Con Modulo Amico Speciale Usufruitore
Questionario per pazienti con Modulo Amico Speciale Usufruitore.pdf
View post
599.1 KiB
1712 Downloads
Dettagli...

NUOVI DOWNLOAD RAPIDI PER MEDICI E PAZIENTI

Piano terapeutico prescrizione Cannabis terapeutica

PIANO TERAPEUTICO
PIANO TERAPEUTICO
PIANO TERAPEUTICO.pdf
31.1 KiB
1107 Downloads
Dettagli...

Fac simile prescrizione Cannabis (Bedrocan, Bediol e Bedrobinol) 

FAC SIMILE RICETTA Bustine Filtro Cartine Capsule
FAC SIMILE RICETTA Bustine Filtro Cartine Capsule
FAC SIMILE RICETTA Bustine filtro cartine capsule.pdf
37.1 KiB
823 Downloads
Dettagli...

Fac simile ricetta per trasformazione galenica in olio d’oliva 

FAC SIMILE RICETTA Olio Cannabis
FAC SIMILE RICETTA Olio Cannabis
FAC SIMILE RICETTA Olio Cannabis.pdf
38.1 KiB
985 Downloads
Dettagli...


grow room


SOSTIENI ANCHE TU LAPIANTIAMO!

Partecipando alla raccolta fondi – il tasto verde Donate Now – sosterrete l’Associazione LapianTiamo; un piccolo gesto simbolico per aiutarci ad alleviare le sofferenze di tanti malati.

I fondatori di LapianTiamo svolgono quotidianamente un lavoro di informazione senza chiedere nulla in cambio e con lo spirito di volontari che accomuna ogni malato, ogni familiare e ogni Amico iscritto al Progetto Pilota.

Ogni donazione e contributo pervenuto è ben gradito. Serve per proseguire con serenità in questo percorso, per sostenere tutte le attività che LapianTiamo svolge e che vede partecipi oramai centinaia di pazienti in tutta Italia che sono riusciti ad ottenere con il nostro supporto sia la prescrizione che il farmaco.


Articoli recenti

LapianTiamo e Dinafem Seed insieme per un esperimento collettivo

Dopo aver condiviso tanti momenti in occasioni diverse presso fiere, congressi, manifestazioni e dopo aver consolidato un rapporto di amicizia e collaborazione siamo stati ospiti di Dinafem a San Sebastian. Il fine di questo viaggio e questa occasione offertaci è rivolto alle differenze, ai percorsi e alle esperienze finora fatte da associazioni, ricercatori e seed bank produttrici di genetiche di Cannabis medicale.

Ecco il contenuto dell’articolo che compare sul blog di Dinafem:

Si è conclusa la visita ufficiale dell’associazione LaPiantiamo a Dinafem, nei Paesi Baschi. Il gruppo di pazienti attivisti ha  potuto constatare come due paesi così lontani geograficamente e culturalmente, possano in realtà sentirsi più vicini, condividendo questioni sociali di interesse comune. L’intento di aver promosso una visita nei Paesi Baschi è stato quello di favorire il dialogo tra le comunità attraverso la condivisioni di esperienze e contenuti.

Sia le politiche proibizionistiche italiane che la depenalizzazione in Spagna si sono di fatto rivelate fallimentari nella gestione delle sostanze stupefacenti e delle relative implicazioni che hanno sulla società. Sebbene ci sia stato un risveglio da parte dei politici e dell’opinione pubblica, il cammino verso una regolarizzazione che funzioni è lungo. In entrambi i paesi i malati e le associazioni che li supportano continuano a rimanere esclusi dal dibattito pubblico che si è generato sulla questione della legalizzazione.

La scelta di Dinafem di invitare un’associazione di pazienti italiani attivisti nasce dal fatto che si crede nella promozione delle realtà che si muovono attivamente dal basso, ma prima di tutto perché  è impossibile rimanere estranei di fronte alla consapevolezza che i malati sono i primi a soffrire di questo caos legislativo internazionale.

Come spiega Lucia, la presidente dell’associazione italiana, “la difficoltà principale sta nell’ottenere l’accesso ad un prodotto di qualità  e variegato: per trattare le patologie in modo efficiente c’è bisogno infatti di disporre di materia prima organica e di differenti varietà, poiché ogni malattia necessità di dosaggi e principi attivi differenti. Per trattare ad esempio una malattia come l’atassia di Friedreich c’è bisogno di qualità a base di solo CBD, quasi impossibile da trovare in giro. In Italia moltissimi malati, non avendo accesso alla cannabis terapeutica sono costretti a rivolgersi al mercato nero, trovando spesso prodotti iperfertilizzati e dai dubbi effetti terapeutici. Sono frequenti i casi di pazienti che usano la cannabis come medicina ai quali la presenza del THC provoca effetti indesiderati e che potrebbero trovare una soluzione usando varietà a base di CBD.”

Sia Dinafem Seeds che LaPiantiamo sono d’accordo sull’idea che un paziente dovrebbe avere l’opportunità di poter scegliere fra diversi strains, previamente testati (cannabinoidi e terpenoidi) e di ricevere le informazioni adatte per scegliere la varietà con meno effetti collaterali. Probabilmente in questo modo un paziente sarebbe in grado di capire quale strain si adatta meglio alla propria patologia.

In altre parole, l’accesso ai dati delle analisi chimiche permette ai pazienti che usano la cannabis terapeutica di  applicare  un criterio razionale nel momento in cui si sceglie lo strain da usare per scopi medici. E’ di primaria importanza, specialmente per le imprese e le associazioni del settore, promuovere il più possibile il dialogo, l’ informazione e la ricerca, contribuendo così a consolidare la conoscenza collettiva riguardo gli usi di questa pianta.

Principi morali e non scientifici

Sebbene esistano  realtà che cercano di cambiare il concetto del sistema, oggigiorno in Spagna l’unico uso terapeutico consentito è l’automedicazione. Incluso in un club  dotato di supporto terapeutico basico (ahimè l’unico consentito)  non è possibile fornire un prodotto specializzato e controllato. Ci sono associazioni che forniscono ai loro soci varietà mediche e  prodotti derivati  come macerati, tinture e varietà ma che purtroppo non dispongono di analisi di qualità. Essendo considerato un tipo di approccio poco redditizio e in certi casi anche compromettente esistono  pochi CSC che lavorano principalmente nel settore  terapeutico tra cui alcuni a Barcellona e uno a Zaragoza. Nei  Paesi Baschi, lontano dalla caotica Barcellona, i CSC lavorano più come associazioni piuttosto che come attività commerciali, ma anche qui  la legislazione regionale  presenta  delle lacune nella gestione del tema terapeutico.  Per dare ai ragazzi di LaPiantiamo un esempio  pratico di come lavora un CSC  è stato organizzato un tavolo di discussione insieme ai membri di Ganjazz, un’associazione basca che in questi ultimi due anni si è dedicata principalmente a fornire un supporto terapeutico ai suoi associati e che costituisce un fiore all’occhiello nel panorama nazionale (e internazionale), anche per le notevoli conquiste ottenute in materia di dialogo con le istituzioni pubbliche locali.

I membri di Ganjazz accogliendo calorosamente i loro colleghi italiani descrivono la scena attuale spagnola: “Se prima  la questione era legalizzazione contro proibizionismo, ora il dibattito si è spostato sulla ricerca di proposte di regolarizzazione responsabile perché  quella attuale non va bene. La legge relativa alla coltivazione e consumo di cannabis è infatti basata su principi morali e non scientifici. Ed è stato  dimostrato che non  funziona. Le leggi emanate che hanno permesso il consumo legale hanno portato alla nascita di un motore economico di notevoli dimensioni che è stato sin dall’inizio difficile da controllare.  Senza dubbio se si cambiasse atteggiamento, se iniziassimo ad agire e pensare in modo diverso, se  investissimo sulla ricerca scientifica, cercassimo di trovare una soluzione tenendo prima di tutto in considerazione il  punto di vista dei malati, promuovendo la salute pubblica e la democrazia, si potrebbe arrivare a concepire un approccio sostenibile al problema.”

E’ molto difficile accettare una regolamentazione basata su un approccio scientifico  in paesi  dove il moralismo è radicato in modo capillare da secoli.

La terapista di Ganjazz spiega inoltre  che “I club offrono un servizio basico ma non sempre si trovano figure  competenti specializzate con esperienza che si dedicano all’accoglienza dei nuovi  soci. I prodotti di solito non sono analizzati. Si tratta di un servizo assistenziale. E’ un peccato non poter assistere tutte quelle persone che fanno richiesta di terapie specializzate a base di cannabis ma che purtroppo non abbiamo la capacità morale di fornire e di cui siamo costretti a rifiutare le richieste, abbandonandoli alla loro malattia.”

Sono tutti concordi sul fatto che  in Spagna ci sia disponibilità di materia prima, ma è evidente che esistono delle grosse lacune nella gestione dei CSC.  Un socio che fa richiesta di un trattamento a base di cannabis ha bisogno di essere ricevuto da personale medico specializzato e budtenders in grado di trovare la cura più adatta al suo quadro medico.

Disponibilità economica

La realtà italiana sembra per assurdo l’opposto di quella spagnola. In Italia le recenti regolamentazioni sulla coltivazione e la commercializzazione di cannabis hanno comportato un aumento di terre coltivate con questa pianta  e di imprese dedicate a questo settore. Sono 11 le regioni italiane che consentono l’uso per scopo terapeutico dove è possibile vendere  direttamente la cannabis con principi attivi elevati  e i suoi derivati. Normalmente il costo di una confezione di Bedrocan, l’unica cannabis consentita in Italia,  che contiene 5g cannabis sativa con il 14% di THC si aggira tra i 22 e i 70 euro. E’ evidente che per un malato che necessita di cure costanti il trattamento costituisce una spesa notevole che non tutti possono affrontare.  E per chi non è residente in una di queste regioni “fortunate” non è possibile accedere al farmaco neanche in caso di disponibilità economica.

I membri di LaPiantiamo spiegano come  per necessità siano riusciti ad elaborare un sistema di accesso al farmaco che si basa prima di tutto sull’analisi e il supporto al malato da parte di medici, psicologi e farmacisti. Il paziente dopo aver compilato un questionario, attraverso  il quale si cerca di inquadrare il soggetto da trattare e  la patologia in modo dettagliato,  passa ad una visita olistica. In seguito gli viene comunicato il piano terapeutico che  più si adatta al suo caso. Purtroppo esiste un iter burocratico molto lungo che penalizza prima di tutto i malati. Infatti  sebbene LaPiantiamo velocizzi l’accesso al farmaco, i tecnici specializzati che utilizzano  le 5 varietà  di Bedrocan registrano dei rallentamenti nella produzione dei preparati farmaceutici.  Lo Stato italiano richiede che ogni singolo prodotto elaborato venga analizzato e approvato, anche se il procedimento e la varietà rimangono gli stessi.   Di conseguenza  molto spesso i malati sono costretti ad interrompere le cure (con conseguenti ricadute) poiché  per conseguire le licenze necessarie può passare molto tempo.

In Spagna  la possibilità di accedere con relativa facilità al prodotto ha fatto passare in secondo piano il settore terapeutico. Al contrario, in Italia  i tanti anni di proibizionismo hanno portato  alla mancanza di una coscienza collettiva che affronti il tema in modo etico. Tante e troppe persone sono costrette a utilizzare cure  farmaceutiche, in molti casi dagli effetti secondari devastanti, piuttosto che disporre di trattamenti a base di cannabis che può essere applicata  nel trattamento di diverse malattie come sclerosi multipla, fibromialgia,  epilessia, artrite reumatoide, dolore cronico, anoressia, obesità, psoriasi e tante altre. Proprio in questo scenario di ottuso e anacronistico proibizionismo,

Lucia, Andrea e William hanno avuto il coraggio e la capacità di creare e mantenere una vera e propria struttura di assistenza al malato, diventata un punto di riferimento per i pazienti di tutta Italia. Tra le varie difficoltà ideologiche e burocratiche è da notare che sempre più medici e studiosi, consapevoli dell’efficacia di questa pianta, consigliano ai loro pazienti trattamenti con cannabinoidi, i cui effetti indesiderati possono essere facilmente evitati  attraverso un’informazione corretta e una somministrazione adeguata.

Ciò ha dato luogo all’idea di iniziare a lavorare congiuntamente per la creazione di un network internazionale costruito dal basso, in cui i pazienti diano  testimonianza dei benefici riscontrati con una varietà piuttosto che con un’altra, i medici prescrittori e i ricercatori raccolgano queste informazioni ed inizino a scrivere la letteratura scientifica che ancora manca in questo campo, le seedbank sviluppino ceppi mirati e grazie agli attuali mezzi di comunicazione si permetta la reale condivisione e l’accesso a informazioni così potenzialmente utili alla collettività.

Questa full immersion di tre giorni dedicata alla conoscenza, al dialogo e al confronto  tra realtà italiana e spagnola   è stato il risultato di  uno sforzo collettivo e non sarebbe stato possibile senza l’aiuto di tutte le persone che hanno collaborato e condiviso le loro esperienze  per cercare di far luce sulla questione più importante: l’efficacia di una cura sostenibile per i malati. Speriamo questo incontro possa beneficiare tutte quelle persone che lottano ogni giorno si sforzano di trovare una medicina accessibile senza la paura di essere perseguitati e incriminati.

(pubblicato sul blog: https://www.dinafem.org//it/blog/lapiantiamo-dinafem-seed/)

  1. 22 Marzo 2016 – Dibattito all’Università del Salento Lascia una risposta
  2. Grazie IvanArt per LapianTiamo Lascia una risposta
  3. Dibattito informativo sulla Cannabis Terapeutica – Racale 29 Gennaio 2016 Lascia una risposta
  4. LapianTiamo su Matrix e su L’aria che Tira Lascia una risposta
  5. 3 anni insieme a LapianTiamo Lascia una risposta
  6. Chi gioca con i malati? Parte Seconda Lascia una risposta
  7. Chi gioca con i malati? Parte Prima Lascia una risposta
  8. Prossima tappa a Napoli – Canapa in Mostra, 16/17/18 ottobre 2 Risposte
  9. Inauguriamo una nuova sezione: il Laboratorio Virtuale Lascia una risposta