Era ora…

img_1037

Questo 2017 nasce proprio sotto una buona stella!

Infatti, tra tutte le news sulla Cannabis terapeutica a livello nazionale, si aggiungono importantissimi eventi che rafforzano il lavoro fatto finora come ad esempio la partecipazione del Dr. Alessio Mercurio, neurologo Amico di LapianTiamo, al Convegno “Eventi oltre la SM” organizzato dall’AISM di Bari e che si terrà sabato 14 gennaio presso l’Aula Asclepios del Policlinico di Bari in Piazza Giulio Cesare 13 a partire dalle 9:30 del mattino. Cliccando sulla locandina accanto potrete visualizzare il programma dell’evento che, ricordiamo, è aperto al pubblico.

Tra le maggiori notizie leggiamo anche della Cannabis di Stato ormai pronta ad arrivare nelle farmacie italiane, nonostante la totale esclusione di Associazioni e dei malati quali destinatari finali, per poi essere completamente lasciata nelle mani di farmacisti trasformati dal Ministero della Salute in “pusher autorizzati” a rivenderla sempre e comunque a costi inaccessibili.

Sull’intero Progetto dell’Istituto Farmaceutico Militare di Firenze, fin dall’inizio, sono calati veli che hanno impedito un reale controllo sulla scelta delle genetiche, sui metodi di coltivazione e sui vari passaggi che “dovrebbero” garantire al paziente un prodotto di qualità e il tutto è stato affidato ai militari che, paradossalmente, hanno invece aperto la strada al Progetto Pilota pugliese tanto da convincere il Presidente Michele Emiliano ad approvare durante l’ultima riunione di giunta di fine anno scorso il Disegno di Legge N.290 del 21/12/2016“Uso terapeutico di farmaci cannabinoidi nell’ambito del SSR, per terapia del dolore e delle cure terminali, patologie neurologiche, infiammatorie croniche, degenerative, autoimmunitarie e psichiatriche. Progetto Pilota per la coltivazione, produzione e distribuzione regionale di sostanze di origine vegetale a base di Cannabis per finalità terapeutiche”.

All’interno del ddl è possibile leggere che “per la realizzazione di tale progetto la Regione Puglia stipula un accordo di collaborazione con un soggetto partner diverso dal S.C.F.M. di Firenze, poiché già individuato quale sito di produzione a livello statale e il soggetto partner è individuato tra le associazioni temporanee di scopo (ATS) no profit senza finalità di lucro, costituite da Università/Dipartimenti Universitari della Puglia, Enti con comprovata competenza scientifica, associazioni no profit senza finalità di lucro e inoltre l’associazione temporanea di scopo individuata dovrà coprire la filiera dalla coltivazione alla produzione, alla distribuzione regionale di sostanze di origine vegetale a base di Cannabis”.

Subito dopo è riportato anche “prima dell’avvio del progetto regionale, l’A.T.S. individuata deve munirsi di autorizzazioni prescritte ex artt. 17, 27 e 32 T.U. (entrambe rilasciate dal Min. della Salute) nonché di quella alla prodizione di sostanze attive di origine vegetale (rilasciata dall’AIFA).

Questa battaglia che seguiamo ufficialmente da 4 anni come LapianTiamo è fonte di tanti sacrifici vissuti nella ricerca costante di una verità scientifica che possa, ancora oggi, rafforzare le conoscenze sulla Cannabis e abbattere i falsi moralismi/pregiudizi, ahinoi, ancora troppo radicati nelle menti di molti. E parlando di persone che si sacrificano e spendono la propria vita per un ideale non possiamo esimerci dal ricordare la recente e prematura scomparsa di Franco Loja, Strainhunter.

Non è facile seguire, da ammalati, chi si ammala. Dovrebbero essere le persone “sane” a combattere per chi non sta bene, o no? E’ un pensiero certamente comune che ribadiamo da anni… eppure ci sono stati (e forse ci sono) soggetti che non condividono questo pensiero e se si parla di priorità tendono a mettere sul gradino più alto altri valori.

Davanti alla possibilità di interloquire direttamente con le Istituzioni regionali e nazionali, ogni volta seguendo stili e logiche che si differenziano in base alle problematiche riscontrate sul territorio, ma anche con i 44 chilogrammi acquistati dalle nostre Asl grazie soprattutto al lavoro costante di LapianTiamo e i medici che in Puglia stanno prescrivendo senza paure di ritorsioni (non ne vediamo infatti il motivo!) siamo consapevoli di aver raggiunto traguardi importanti e di aver costruito realmente un Progetto nuovo, mattone su mattone, chilometro dopo chilometro, parola dopo parola senza mai risparmiare fiato. Suggerendo soluzioni sulla base delle esperienze personali raccolte negli anni dalla nostra Associazione e ascoltando con pazienza i passi e gli ostacoli da affrontare, mai percepiti come insormontabili, abbiamo acquisito la dovuta credibilità e abbiamo proposto alternative importanti dopo aver conosciuto, sempre da malati, le tante realtà dei Cannabis Social Club spagnoli, dei Coffee Shop olandesi, di quanto sta accadendo in tanti stati degli U.S.A. , dell’avanguardia del Canada, di Israele, dell’Uruguay…

Stiamo assistendo finalmente a risvolti importanti, ci sentiamo confortati dall’affiancamento delle Istituzioni e vediamo avvicinarsi sempre di più la concretizzazione del Progetto Pilota nato dalle richieste di tutti coloro che, con patologia, hanno aderito a LapianTiamo compilando anche i questionari e partecipando agli eventi in giro per l’Italia.

Ringraziamo con il cuore tutti coloro che hanno accettato di partecipare a qualcosa di nuovo e che ogni giorno, anche senza saperlo, contribuiscono al lavoro svolto nella “penombra” e nel silenzio di chi si compiace, come tanti di noi, solo con se stesso per quello che fa…senza sentire l’impulso di raccontare o postare per ricevere un bravo (per finta), un mi piace (per finta).

Probabilmente trascorreranno ancora decenni prima di tornare a guardare con meraviglia e osservare con attenzione la natura che, come un grande contenitore ricco di soluzioni, mette a disposizione dell’uomo ciò di cui ha bisogno per curare tutti i propri mali fin dagli esordi della vita su questo pianeta.

Basta invece andare su internet o in un negozio specializzato (la tipica erboristeria o farmacia di paese) per individuare varietà e prezzi di alcune piante che contengono utili principi attivi e disponibili in commercio osservando differenze abissali del tipo:

–       1 kg di Lavanda essiccata in fiori sfusi a € 24,90

–       1 kg di Camomilla essiccata in fiori a € 59,42

–       1 kg di Melissa essiccata a € 53,88

–       1 kg di Cannabis essiccata in fiori per tisana a partire da € 16.000

In tanti anni di malattia vissuta direttamente o indirettamente quanti di noi non si sentono stanchi? Stanchi del mercato nero, dei Giovanardiani, dei perbenisti, dei pusher, di andare a dormire con il solito pensiero della medicina. Chi ripaga il tempo trascorso in questi anni e che ancora trascorriamo a far file nelle corsie di ospedali, chi ridonerà serenità alle nostre famiglie, chi ci da veramente una mano e alla fine, diciamolo chiaro, ma cosa vogliono gli Altri da noi?

Quegli Altri buoni o scontrosi che siano, che scrivono leggi e magari non le rispettano, che danno sentenze nascondendo scheletri negli armadi, che stringono mani come mazzette impugnando penne che hanno il potere totale sul nostro destino!

Che vestono abiti, tuniche o camici di professione e forse barche nei loro week-end, ti dicono bravo ma se fosse per loro nemmeno un saluto per strada.

Ma in questi anni di malattia quanti di noi non sognavano altro?

E allora basta! Non si può restare indifferenti davanti agli errori della storia manipolata da menti diaboliche e potenti. Errori che si ripercuotono sull’esistenza quotidiana di milioni di uomini e donne che per scelta, cultura, religione o necessità amano la Cannabis senza essere liberi di farlo e tutti noi in un modo o nell’altro dovremo essere sempre presenti, ovunque, per non rischiare di allontanarci nuovamente dal ritorno tanto agognato di questa pianta ormai tanto vicina.

Partecipando attivamente all’informazione siamo artefici, tutti, di questo percorso evolutivo…

Qui in Puglia, vicini come siamo al mare, raramente scende la neve… e fuori, sapete, nevica.

Accadono cose speciali, era ora…

fullsizerender-5

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *