Diario

Diario

In questa pagina potrete scrivere le vostre storie, le vostre richieste d’aiuto o semplicemente i vostri pensieri. Riteniamo doveroso dedicare uno spazio alle testimonianze di chi, a causa di gravi patologie, è costretto ad una vita difficile, piena di ostacoli e inutili sofferenze.

Anche noi inseriremo (in forma anonima) le lettere che fino ad oggi sono arrivate alle nostre e-mail, per condividere con i lettori le vere necessità di tanti.

60 risposte a “Diario”

  1. ciao piacere antonio…sono semplicemente un 37 di roma che usa giornalmente marijuana..trovo molto sollievo nei miei stati d’ansia e sbalzi di umore…mi aiuta moltissimo nel rilassarmi…probabilmente se mi sarei rivolto ad un medico per i miei stati ansiosi mi avrebbero prescritto psicofarmaci o altro….premetto che la mia vita forse e’ gia segnata visto che portero’ lungo il mio percorso di vita un epatite c cronica…in pochissime parole io trovo molto sollievo dall’uso quotidiano di cannabis e non riesco proprio a vedere la canapa come sostanza nociva per la salute anzi tutto il contrario…il fatto che piu’ mi irrita e mi fa davvero cascare le braccia,e’come mai nel 2013 la cannabis viene considerata DROGA invece di essere considerata una pianta dai mille risvolti positivi per la salute??quindi appoggio le vostre iniziative e quelle come le vostre… vi stimo e mi e vi auguro che da adesso in poi ci sia un cambiamento totale e globale sulle splendide proprieta’ che questa pianta ha…ciao ragazzi buon lavoro.e che la cannabis sia sempre con noi…..

  2. «Nel Tempo dell’Inganno Universale, Sostenere la Verità è un Atto Rivoluzionario!».

    “George Orwell”.

    Questa è la mia vicenda personale, Io a trentasette anni Incensurato e mai avuto a che fare con gli Ambienti criminali di qualsiasi specie e genere, Trattato come un Criminale.

    Tutto accade il giorno 04/04/2011 alle ore 16:25; inizia il mio Incubo peggiore, una vicenda che Segnerà la mia persona per Sempre.

    Mi trovo assopito sul divano, è un Lunedì di aprile, sono tranquillo non sapendo che da lì a poco un incubo sarebbe entrato a far parte della mia vita. Suonano alla porta, vado ad aprire ancora assopito dal dormiveglia; due uomini in borghese, uno basso e l’altro alto mi chiedono se sono De Benedittis Maurizio e se sono solo in casa, dico che sono io e che in casa sono con Mia Madre di ottantatré anni chiedo cosa volessero e il più alto mi dice che mi devono notific…, la frase è interrotta dall’uomo più basso con una leggera gomitata a quello più alto. Vogliono entrare e mi dicono di aprire il cancello io ritorno a ripetere cosa sia successo, ma loro mi dicono di non preoccuparmi; con la coda dell’occhio mentre vado ad aprire noto un’altra persona, sempre in borghese, che si trova a ridosso dell’angolo della mia abitazione e incomincio ad aver paura ma forse il mio istinto mi fa capire che quegli uomini non siano persone comuni.

    Apro il cancello e il corto e il lungo si fiondano dentro qualificandosi come carabinieri; senza mostrare ne tesserino, né mandato di perquisizione ne chiedendomi se volessi chiamare un legale e sfruttando la mia paura e ingenuità di quel momento, entrano in casa mi chiedono la carta d’identità e che cosa facessi nella vita. Mia Madre incomincia a preoccuparsi ma io gli dico che è un normale controllo come gli assicurano anche i militari vestiti da borghese, dopo tutte le domande cui ho dovuto rispondere senza nemmeno sapere ancora cosa stesse accadendo, mi chiedono, dove fosse la mia stanza. Gliela indico e una volta entrati dentro l’arcano è svelato; mi chiedono se mi faccio le canne e se ho qualcosa nascosto in casa, io rispondo di sì alla seconda domanda mostrandogli quel poco che ho al solo uso Medico e allora scatta la perquisizione senza essere assistito da un legale.

    Incominciano dal garage, dove effettivamente avevo indicato quel poco che avevo e anche di scarsa qualità, ma prima fanno entrare alti tre militari per un totale di cinque; per il momento. I militari si distribuiscono un po’ dovunque dentro casa violando “ giustamente “ la mia privacy e controllando in giardino, rinvengono due piantine di canapa di tre centimetri appena; nello stanzino una bustina con dentro della canapuccia per uccelli; 146 grammi scambiata per semi di canapa indiana mentre in garage, trovano i dieci pezzi di hashish per un peso di 7 grammi e cinque di marijuana; da me indicati. Finita la perquisizione domiciliare e Mia Madre sempre più impaurita di tutto quel trambusto, i militari mi chiedono se possedessi un’auto e dove la tenessi, io ormai non capendoci più niente di tutto ciò che stava accadendo, gli rispondo di sì e che si trovava parcheggiata di fuori. A questo punto, con mia sorpresa, mi chiedono, dove possedessi l’altra auto e confesso che nel garage, dove era custodita la mia macchina, avevo sei piante ma che non erano in fioritura e quindi prive di THC.

    Altra perquisizione del garage e dell’auto; sequestrano il tutto:

    Un comune armadio per indumenti attrezzato per la funzione di Serra; un opuscolo con le istruzioni per la coltivazione della canapa scaricato da internet; otto flaconcini, che a loro dire era concime e sei piante di canapa lunghe un metro circa. Le varie perquisizioni terminarono alle ore 17:40, un tempo interminabile di angoscia senza un’assistenza legale e una Madre che in ogni occasione chiedeva cosa stesse accadendo al proprio figlio; tenendo presente che nel tramite delle stesse, ero sempre “ scortato “ da due militari per chissà quale motivo forse per timore di una Molto Improbabile Fuga, suppongo, poiché i militari erano Abbastanza Informati su di me. Nelle varie perquisizioni, non erano rinvenute ne dosi preconfezionate di sostanze stupefacenti di qualsiasi genere, né bilance o bilancini per il peso della droga né tantomeno si rinvenivano soldi contanti di un possibile provento di un’ipotetica e molto improbabile attività di spaccio. Dopo di tutto ciò, sono scortato in macchina e portato in caserma dove tutto il materiale sequestrato è posto in una stanza ed io lì a firmare fogli su fogli.

    Finalmente arriva l’avvocato che mi chiede perché avessi fatto questa fesseria, gli rispondo che lo avevo fatto per il solo scopo medico. Mi ricaricano in macchina, mi scortano tre militari, accendono sirene e lampeggiante come se si stesse scortando un omicida o un pluripregiudicato; gli chiedo se fosse proprio necessario e mi sento rispondere che in questo modo divento famoso. Dentro di me, in modo rassegnato penso, che mi stiano portando in carcere invece a sirene spiegate per quasi tutto il tragitto, mi conducono in un’altra caserma per la segnalazione ufficiale con schedatura impronte e foto segnaletica; come i veri Boss.

    Da quel momento ero diventato, per la società, un Pregiudicato. Fino a quel momento ero incensurato; in trentasette anni di vita vissuta non avevo mai commesso nessun crimine di alcun genere, sempre ligio al mio dovere di cittadino e non dando mai fastidio o scandalo di alcun genere. Ora, mi ritrovavo un Marchio Indelebile addosso e per tutto il resto della vita per il solo motivo di aver coltivato delle piante che per legge sono illegali e cioè che la sostanza (THC) che se ne possa ricavare, sia ritenuta nociva alla salute, e le sigarette e l’alcool non sono prodotti più nocivi della canapa facendo più male alla salute? Solo perché avendo un monopolio, non fanno male e sono, quindi, legali? Vendere dell’alcool e delle sigarette è vietato per legge, ai minori, ma chi controlla ciò? Dopo tutto l’iter della Schedatura, sono riportato a casa sempre con la sirena e lampeggiante; la “ prognosi “ sono gli arresti domiciliari. Con l’avvocato patteggio la pena ammettendo le mie colpe; dovrò scontare tre anni di servizi sociali ma intanto, faccio un mese e tredici giorni di domiciliari di cui ognuno è costellato dalle frequenti “ visite “ dei militari, una volta si presentano in borghese e un’altra in divisa.

    Nelle prime due settimane, l’andirivieni dei militari è serrato, la mia tranquillità non ha pace e la mia casa sembra la succursale della caserma e ogni volta che subisco dei controlli, la curiosità dei vicini si fa avanti. Sono sottoposto a interrogatori continui, senza la presenza del mio avvocato cui non mi si chiede neanche se volessi la sua presenza. Sono giorni Difficili per me ma anche per Mia Madre, nessuno chiede se ci possa servire qualcosa; io ormai sono per tutti un Pregiudicato cui stare alla larga. Trascorro cosi, ai domiciliari, un mese e tredici giorni e finalmente il 13 maggio 2011 ottengo la Libertà. Una volta Libero, vorrei fare tante cose ma non riesco perché dentro di me qualcosa si è spento per sempre; sentirsi osservato e molto spesso Giudicato in silenzio tramite gli sguardi di chi ti ha riconosciuto come il protagonista di quella vicenda, attraverso le notizie date dai giornali, anche se è il solo nome e cognome a evidenziare il fatto, mi lascia amareggiato e privo di Speranza. Sono per la società, un Pregiudicato e un Delinquente che ha sbagliato, avendo la Sola e Unica colpa di essere Uscito dagli schemi della Legalità coltivando sei piante di canapa cui non sarò mai Pentito di averlo fatto perché, tale vicenda mi ha dato modo di vedere oltre la Superficie delle persone, dritto in fondo al cuore, cancellando per sempre la mia fiducia e ingenuità facendo Notare così, la loro Ipocrisia e la loro Falsità.

    Questa è la mia vicenda personale, mi rendo conto di aver sbagliato commettendo, per la legge e una parte della società, un “ crimine “; il mio debito verso la legge, un giorno sarà pienamente estinto ma chi mi ridarà mai il sorriso e la dignità di poter guardare oltre? La società d’oggi non dimentica ciò che hai commesso, ciò di cui ti sei macchiato! Perché gli uomini di potere, che pure hanno le loro colpe e i loro debiti da scontare verso la società, non sono mai puniti e sono sempre lì su quelle stesse poltrone, da anni? Perché il monopolio del tabacco e dell’alcool è così importante per lo stato, sapendo che tali “ prodotti “ ledono Veramente alla salute, mentre la canapa è ancora oggi un tabù? Perché se lo stato Vende del veleno, sapendo che nuoce alla Salute Pubblica, si tutela dietro alle scritte Ipocrite di avviso e ci invita a sostenere le varie campagne antitumori?

    A conclusione di ciò, voglio rivolgere un’Ammonizione a tutti quelli che intendessero coltivare della canapa, di non farlo! L’intera legge 309/90 e relative modifiche del ’96 a mio avviso, andrebbe rivista; Troppi sono i Giovani che hanno avuto e si ritrovano con la Loro vita Rovinata per sempre da questa Legge Omicida; Fine Pena Mai. A me tal esperienza ha Marchiato la vita; Guardate al vostro futuro! A volte si pensa che non si abbia Niente da perdere ma ciò non è assolutamente Vero; la Libertà, Vale Molto di più di un Decreto Legge! Aspettiamo con Fede, la Fine del Proibizionismo ma ora guardiamo un po’ di più verso il Cielo!

    P.S. Voglio Ringraziare in Modo Particolare, Tutti coloro che nel Momento del Bisogno mi hanno Chiuso la Porta in faccia; Conoscenti e non, Dubitando della Mia Moralità! Molti ma non Tutti, mi hanno considerato un Poco di Buono mettendo in Dubbio la Mia Persona! Grazie a Tutti Quelli che non mi sono Stati Vicini nel Momento del Bisogno! Grazie soprattutto per non Avermi fatto gli Auguri di Pasqua; Grazie al Vostro Comportamento Ipocrita, Io ho Capito Finalmente la Vostra Moralità!

  3. ciao sono Willy e soffro di sclerosi multipla da 13 anni,ho sempre fumato cannabis oggi più che mai la uso anche sotto forma alimentare,facendo torte,biscotti, tisane oppure triturando i semi li mischio allo yogurt gelato o a ttisucchi di frutta,i benefici ci sono tipo sensibilità,dolori,spasmi e tante altre ucose,non prendo più tanti medicinali tossici che devastono il corpo,se oggi per stare meglio bisogna essere illegali va fa culo tutti…………..un abbraccio a tutti e vogliamoci bene è arrivato il momento di piantarla…

  4. Ciao Willy, oltre ad esserci simpatico per portare il nome del nostro Tesoriere,ci vai ancor più a genio perchè hai inteso i molteplici utilizzi di questa meravigliosa pianta. Di sicuro hai ragione, “vogliamoci bene, è arrivato il tempo di piantarla…”
    😉

  5. vi assicuro che siete delle belle persone è piene di energia positiva spero aol più presto di venirvi ad abbracciare da vicino……….

  6. La solita storia che ripetono i proibizionisti è quella che:
    “si comincia con uno spinello e si finisce nelle droghe pesanti”
    è vero il contrario:
    ” come antidoto alle droghe pesanti la canapa aiuta a farci prendere coscienza di noi stessi, e del male che ci facciamo con la dipendenza da oppioidi o stimolanti”

    AUGURI a Lapiantiamo.it, mi iscriverò presto

    Franco

  7. una proposta
    mettere delle ricette per come si usa l’erba, alternative al fumarla
    sono sempre stato convinto che la cannabis fosse una droga da utilizzare nell’alimentazione, la chiamo droga come sono chiamate tutte le spezie utilizzate in cucina, curry, curcuma e tante altre, tutte droghe che hanno proprietà ancora sconosciute qui in italia ma che vengono utilizzate negli altri paesi e che tengono lontane tante malattie, probabilmente qualcuna di queste potrebbe essere benefica anche per le nostre malattie e altre
    io sono affetto da sclerosi sistemica malattia oramai cronica che mi ha reso un handy, un mondo diverso e una disabilità diversa di vivere ma un mondo nuovo da scoprire
    le persone “normali” non capiscono e io cerco di spiegare e raccontare cosa significa essere ammalato e disabile e cosa significa cercare di vivere come non malato con la voglia piena di vivere, alle persone dico sempre “se non avessi questa malattia starei benissimo”
    ciao mauri

  8. ciao Maurizio,
    ci sono passato, ne più ne meno. ho provato quello che hai provato. ero abbastanza preparato moralmente e son riuscito a sostenere la realtà facendone una piccola lotta politica. durante i due canonici giorni di carcere e nel seguente (duro) iter ho mantenuta (a fatica) indenne la mia dignità. sei veramente solo come davide e hai golia (la socetà, la legge con i suoi 1/20 anni di carcere e tanta gente veramente stupida) che ti dà contro e sembra ti voglia schiacciare. mi sono fatto forza delle mie ragioni, per fortuna mature e solide. ho anche fatto comunione con i tanti perseguitati della storia e un po’, in fondo possiamo ritenerci incolumi. gesù è stato arrestato in un orto e se avesse rinnegato dove sarebbe andato il suo messaggio? comunque se si è convinti delle proprie ragioni si resta incolumi ed innocenti. non sono daccordo quando ammonisci tutti quelli che intendessero coltivare della canapa, di non farlo! non sono le vittime che vincono le guerre ma qualche caduto nella “guerra alla droga” ci deve pur essere. se poi ogni caduto ci sono 999 incolumi non vedo perchè disertare una guerra pacifica per i propri diritti. per noi feriti c’è la pensione di guerra..

  9. Prima auguro un buon giorno a tutto il popolo di invalidi come me… Non per offesa ma per giusta distinzione da chi non ha problemi e se ne fotte dei problemi altrui finché purtroppo regnerà il dio denaro…scusate la lunga premessa ma la rabbia é tanta la stessa rabbia che ha aiutato voi ad intraprendere una iniziativa del genere… Siete la speranza ormai assopita e quasi persa da tempo da tutti i malati come noi…io sono malato da tre anni di artrite reumatoide cronica degenerativa e da quasi due oltre al peso giornaliero con cui conviviamo giornalmente e dolori a parte siamo anche costretti a doverci CURARE di nascosto come fossimo delinquenti… Perché giustamente stiamo pensando alla nostra salute!!! cmq sembro solo ripetitivo anche perché é tutto quello che pensiamo solo NOI MALATI…cmq voi avete riacceso la speranza ormai sepolta da tanti come noi… Davvero grandi per me queste sono le bellezze della vita… Sapere che non esistono solo p di m…. Al mondo…cé anche chi pensa al bene comune…malati rari ma buoni…grandi…

  10. Ciao a tutti, per mia fortuna non ho disabilità o particolari problemi di salute che mi portino all’uso della mariuana per scopi medici, …oltretutto non fumo più (sigarette) già da diversi anni (quello si che è un vero veleno ed un problema sociale).
    Potrei quindi definirmi piuttosto “lontano” dalle problematiche esposte in questo sito.
    Nonostante ciò, quando per una casualiltà di circostanze, ho messo gli occhi sul vostro sito e ne ho letto i contenuti mi sono sentito gratificato nel dare un mio piccolo contributo, non fosse anche per far sentire la presenza di un nuovo sostenitore più che il contributo economico che è stato purtroppo modesto.
    A parte che un domani potrei essere proprio io ad essere nella necessità di avere un aiuto da questa pianta e da questa Associazione, …ritengo assurdo questa guerra contro l’uso della mariuana non solo per scopi medici ma anche per utilizzo per diletto personale.
    Ad esempio a me piace molto bere birra o vino e nessuno in alcuna forma me lo proibisce (se non mi metto alla guida in condizioni non idonee), e non mi pare che l’alcool abbia delle proprietà curative, …anzi.
    Eppure quello che per me è un piacere, uno svago, un’evasione piacevole, uno strumento di socializzazione, come potrebbe esserlo il fumare cannabis, è assolutamente legale e tollerato ed incentivato (anche se dichiaratamente dannoso) mentre l’erba…
    Pensare poi che qui si sta portando avanti una lotta per un suo uso esclusivamente curativo, poi, mi manda in bestia.
    Faccio fatica a capire l’ostilità che orbita attorno alla mariuana, …quando poi forse tutti noi l’abbiamo provata almeno una volta.
    Grazie per la battaglia che portate avanti, seguirò con interesse gli eventi proposti sul vostro sito e …in bocca al lupo.

    Stefano Cassiani, Modena

  11. Buongiorno io sono un ragazzo di 22 anni volevo dirti che quello che fate per queste persone è un passo avanti per conoscere questo tipo di cure..vorrei essere di aiuto per voi e per i pazienti della vostra associazione lavorando con voi sarei lieto di aiutarci lavorando con voi cordiali saluti

  12. Salve ho scritto ieri su questo diario mi sembra di non aver ricevuto risposta…..ho sbagliato qualcosa?mon trovo neanche il mio scritto grazie comunque…

  13. Ciao Celestino,
    sul nostro sito i commenti vengono prima letti e poi approvati.
    Se ancora non lo hai fatto, inviaci una mail con un riassunto della tua storia a info@lapiantiamo.it
    Siamo operativi e abbiamo ancora tante e-mail alle quali rispondere…
    Chiediamo scusa a te e a chi ancora aspetta una risposta,cercheremo di velocizzare…ma ciò è dovuto dal fatto che oltre agli occhi e le mani,utilizziamo anche il cuore nel tentativo di dare risposte a domande che a volte sono davvero difficili…

  14. Ciao a tutti, io grazie a Dio non ho problemi seri di nessun tipo. Aimè però vivo vedendo la sofferenza dei miei cari. Circa 2 anni fa è moro mio zio per un tumore al cervello e qualche mese fa una mia zia ci ha lasciati a causa dello stesso male. Da circa un anno invece un altro mio parente combatte contro questo male che dopo un anno ed un intervento andato a buon fine si ripropone togliendoci ogni speranza. E’ brutto dover rimanere fermi ad assistere alle sofferenze di una persona quando si è consapevoli che esiste una cura naturale ed efficace al problema che non viene presa in considerazione solo perché nel nostro paese è discriminata ed illegale. Non è giusto che le persone continuino a morire solo perché le società di devono arricchire. Tutti hanno il diritto di essere curati al meglio, ed una cura per un male così grande non può essere illegale.

  15. concordo con te, per me la cannabis è un punto di arrivo, alla giovane età di 14 anni incomincia a fare uso di cannabis, vuoi per moda, vuoi perchè frequentavo gente che ne faceva uso, insomma la fumavo. Essendo non legale dovevo rivolgermi al mercato nero, ed è qui il punto, dovendomi rivolgermi a loro c’è stato una volta in cui mi hanno offerto vari tipi di droga, io giovane e incosciente accettai e da li in poi mi è cambiata la mia adolescenza, entrai nel buco nero dell’eroina, non ne uscivo più fino a che un giorno fortunatamente venni beccato da una pattuglia di carabinieri, i quali guardandomi si comportarono in una maniera che non mi sarei aspettato, mi fecero sedere con loro ad ascoltare come mai facessi uso di quella merda alla mia età, e con tutta sincerità la risposta non l’avevo nemmeno io. Dopo ore di colloquio con i due agenti, mi fecero solo una pena amministrativa con ritiro della patente ma con il “buon ricatto” di dover chiamare mio padre davanti a loro dicendoli la verità, perchè in quanto maggiorenne loro direttamente non potevano comunicare con mio padre. Una battuta mi è rimasta impressa ed era:” ma fumati i cannoni e tromba…etc 🙂 “. Grazie a loro ho chiamato mio padre e gli ho detto come stavano le cose, accertati che lo avessi fatto mi hanno lasciato andare, arrivato da mio padre ci siamo seduti al tavolo( ed ero in calo fisiologico) e gli ho raccontato tutto per filo e per segno. Non so per quale motivo dentro di me c’era una forza di volontà di uscirne che non avevo mai avuto fino ad allora. Mi son fatto forza e ho detto a mio padre che avrei sofferto ma non volevo assolutamente diventare un vegetale facendo cure con metadone o subotex, quindi chiesi a mio padre di mettermi da mia nonna per un mese in modo da non poter scappare alla ricerca della droga, ma sopratutto se mi potevo procurare dell’erba per distogliere il pensiero. Da quel momento in poi ho capito veramente l’importanza della cannabis, i dolori c’erano, stavo male, ma a livello psicologico ero più forte e determinato e allo stesso tempo mi sentivo pieno di vita, come rinato. Da quel giorno io faccio uso quotidiano di cannabis nonostante sia tuttora illegale. Nel corso degli anni non ho mai più avuto nemmeno una ricaduta, ne la voglia di ritornare al passato, e sono convinto che con la ricerca si possa provare che per i tossicid-ipendenti ci possa essere un’altra soluzione alle classiche soluzioni direi pessime, ti levano la droga per darti roba peggiore. Spero di non avermi annoiato, spero abbia fatto piacere la mia esperienza e spero possa essere utile.
    “Se la marijuana è illegale, allora anche dio lo è” . Un altra cosa che volevo far notare e che tralasciamo che la canapa oltre all’uso terapeutico, ludico, ha anche altri usi come ad esempio in passato si facevano maglie, costruivano barche e tantissime altre cose utilissime che oggi paghiamo fior di quattrini perchè utilizziamo materiali costosi o talvolta limitati.
    Grazie ragazzi, un abbraccio, e piantomalaaaaa!!

  16. Ho visto il servizio delle Iene, sapevo già delle cure con la Cannabis e del dissenso dello Stato ma davanti a casi evidenti in tal senso non si può negare la possibilità di curarsi, specie con l’intento che avete voi. Io, nel mio piccolo vi sosterrò con pubblicità a più non posso. Magari ci sono persone che nemmeno conoscono questo tipo di cura e ne potrebbero avere giovamento.
    Continuate a lottare

  17. Ho visto il servizio delle Iene. Fantastico!
    Mi chiamo Francesco ho 42 anni e da dieci sono in paraplegico quindi in carrozzina. Sono quotidianamente affetto da dolori lancinanti di tipo neurologico. Le cause sono diverse da infezioni a dolori viscerali ecc. ecc.
    Ho provato tante strade e trovo sollievo minimo solo con l’assunzione del tramadolo.
    L’unica volta che ho provato a fumare marijuana sono stato veramente bene e da allora la voglia di riprovarla è tanta, ma il problema è che il fumo non è indicato per la salute. A questo proposito chiedevo se qualcuno sa se ci sono dei metodi di utilizzo diversi.
    Un saluto
    Francesco

  18. Ciao caro Francesco.
    Le modalità di assunzione sono molteplici e si va dalle comuni tisane e decotti fino ad arrivare ai biscotti e ai vaporizzatori (questi ultimo sono molto indicati poichè non causano la combustione e favoriscono l’assunzione di tutti i principi attivi presenti nel farmaco).
    Se ti occorrono altre informazioni invia pure una mail a info@lapiantiamo.it
    😉

  19. Salve chiedo il vostro aiuto,cio una mia amica e malata di scleriosi multipla,ora sta in una clinica a boston li stanno facendo fare solo cure molto forti e senza aver alcun risultato, con queste cure di farmaci forti si sta rovinando il fegato. Soffre sempre di mal di testa forte e dolori a meta del corpo e alla colonna vertebrale,ho pensato di fargli provare la cannabis visto anche effeti positivi sulle persone intervistate sul programma delle iene,voi che ne pensate?

  20. Salve, mi chiamo Antonia vi scrivo da Campobasso (Molise) mia madre è affetta da sclerosi multipla dal 1993 nel 2010 ha effettuato un’operazione alle giugulari in una clinica privata a Napoli ma ha avuto giovamenti per le prime 2 settimane e dopo la situazione è tornata quella iniziale, ora è su una sedia a rotelle e di movimenti autonomi ormai non ne ha più. Ho chiesto ALL’ASL della mia regione una cura a base di cannabis (come pianta) ma la loro risposta è stata una risata in pieno volto, come alternativa mi hanno proposto un farmaco (Sativex) a base di cannabinoli da assumere in via orale, il problema è che sono quasi 2 mesi che aspetto risposte che non sono ancora arrivate. L’alternativa di questo farmaco è un’alternativa che a me non va giù, dato che quotidianamente mia madre assume già una cesta abbondante di farmaci per la sua malattia. Sono pienamente d’accordo con il vostro movimento dato che ho sperimentato già la marijuana su mia madre ma purtroppo sono stata costretta a farlo in modo totalmente illegale rivolgendomi al mercato nero, e i risultati che ha avuto il suo corpo sono stati a parer mio eccezionali o meglio ancora sono stati sicuramente una motivazione nel continuare ad assumere marijuana. Vedendo l’intervista fatta dalle iene nel 19 Novembre ho potuto costatare che voi assumete legalmente marijuana che vi passa L’ASL, ed arrivare ad un passo del genere per me, o meglio per mia madre, sarebbe davvero tanto, tantissimo. Ma come potrei muovermi? Avete il nostro più TOTALE appoggio.
    Grazie per il tempo che mi avete dedicato, buona giornata e tanta fortuna.

  21. Ciao a tutti , mi chiamo Marco ho 37 anni e ho conosciuto la cannabis a circa 16 anni e fu subito amore, da quel giorno non ho mai smesso di usarla.
    Subito mi resi conto dell’ assurdità del fatto che la cannabis sia considerata una droga. Io nella mia vita ho avuto a che fare con la droga , a stretto contatto e purtroppo ho visto morire o finire comunque male molti dei miei migliori amici.
    Anch’io ho provato cosa vuol dire drogarsi e credetemi quando vi dico che la droga è solo morte.
    La cannabis al contrario vuol dire vita , gioia. Conosco una moltitudine di persone che usano cannabis quotidianamente e vivono una vita tranquilla.
    Tutti noi fumatori o assimilatori con un minimo di cultura della cannabis ci rendiamo conto ,dapprima su noi stessi , delle sue incredibili proprietà curative

  22. Ciao ragazzi, volevo complimentarmi con voi per questa grande iniziativa in primis!
    Prima stavo osservando i video e sono rimasto scioccato dal gesto di estrema violenza che è stato fatto durante il vostro referendum da un agente di polizia che si è limitato ad eseguire un ordine senza riflettere con la propria mente sulla cosa.
    Circa 2 anni fa (2011) è successa una cosa simile anche a me… Avevo acquistato nel 1999 dei semi di cannabis presso un noto e commerce che commercializzava varie qualità di piante. Non sono un fumatore abituala di marijuana o hashis, ne faccio uso solo a volte, serve a calmare i miei stati d’ansia, inquietudine, panico e insonnia. Ho sempre preferito i metodi naturali a quelli chimici, e nel 99 decisi di preferire l’auto produzione alla malavita organizzata, per una questione sia di qualità che di etica. I semi arrivarono a destinazione e ebbero subito terra acqua e sole! A curarli era mia madre, anche se contraria a qualsiasi tipo di “droga”, capiva la mia necessità e sopratutto vedeva i miglioramenti in me. Nel 2011 il sito venne chiuso e furono sequestrati tutti i registri… Da li partì una mega indagine e perquisizioni a tappeto per tutta l’Italia. Una bella mattina alle 4e30, nel cuore della notte ci vediamo quasi buttar giù la porta da circa 10 agenti che con molta violenza, maleducazione e prepotenza cominciano a buttare tutto fuori dai cassetti mentre con la fatidica formula cercavano di convincermi a cedergliela spontaneamente. (giovanotto se ci dici dove sta è meglio, se la troviamo noi è peggio) In quel periodo non avevo nulla in casa, manco una cartina ma ciò non vietò di introdurre un cane antidroga in casa, farlo mettere il muso ovunque (senza rispetto dell’igiene) mettere sottosopra tutta la casa e farmi portare di notte in caserma scortato da 10 agenti e una mega sfilata di auto a sirene spiegate… (forse pensavano d’aver preso il capo della mafia) In conclusione, siamo stati vittima io e la mia famiglia di una violenza che non dimenticheremo facilmente, vittima di una mega sputtanamento nel vicinato, per 5 semi che avevo acquistato 2 anni prima ,forse non sanno in quanto cresce e in quanto finisce una pianta, e forse non sanno tante altre cose… Il nemico non è la marijuana, il nemico è il forte stato d’ignoranza degli organi che dovrebbero tutelare il cittadino, la nostra sicurezza è spesso affidata a persone con la licenza media che si limitano a fare solo quello che gli viene ordinato, come le pecore. Chiedo scusa per lo sfogo, forse ho scritto un sacco di cavolate, ma mi sono levato un peso! Continuate a testa alta!

  23. Storia simile a quella di Andrea Trisciuoglio, il nostro segretario…e a quella di tantissimi altri amici.
    Continua anche tu a testa alta 😉

  24. Ciao sono Valeria,
    ho visto il servizio alle iene un pò di settimane fà…sinceramente mi ha incuriosito molto perchè non ero a conoscenza degli effetti terapeutici della canapa…pur lavoranto come fisioterapista da 11 anni.. e avendo conseguito diversi corsi di specializzazione in neurologia nessun medico in nessun corso ha mai parlato di questa terapia alternativa!!!
    Mi chiedo adesso come proporre questa terapia a miei pazienti a chi si devono rivolgere???
    grazie…… è bellissima la vostra iniziativa !!!!

  25. Salve ragazzi!!!!
    MI chiamo alessio e ho 20 anni. Dall eta di 15 sono affetto dalla sclerosi multipla.
    Avevo provato a contattarvi via mail ma non ho ricevuto risposta. Comunque sia voglio complimentarvi con voi per il coraggio che dimostrate e per la voglia di vivere e lottare che trasmettete.
    Oramai da due anni ho smesso l’interferone a causa degli effetti collaterali che mi causava. Da allora mi curo con l’omeopatia.
    Le ricadute sono frequenti : rigidezza muscolare, formicolii, debolezza ecc . Conosco molto bene gli effetti della canapa e ho avuto modo di sperimentarli.
    Vorrei molto avere la vostra tessera per usufruire della vostra canapa, mandatemi i moduli..
    Ho sentito molto parlare del Bedrocan e nel tempo che attendo per il vostro progetto potrei provarlo. Abito in Toscana e non sò cosa fare di preciso per ottenerlo. Potreste spiegarmi come devo fare? Sapete se il servizio sanitario lo passa?
    Grazie in anticipo ragazzi

    P.s.
    Sabato vi ho lasciato una piccola donazione =)

  26. ciao, anche io sono venuta a conoscenza per caso della vostra iniziativa.
    Da 5 anni combatto con un tumore che mi attanaglia la schiena e i dolori non mi fanno dormire. Adesso assumo farmaci a base di Fentanyl che mi danno abbastanza sollievo, ma ogni volta che vado a prescriverli il mio medico fa ostruzionismo trattandomi come una drogata. Premetto che ho 43 anni e sono madre di due figli e una “brava ragazza” che non ha mai fatto uso ne di droga ne di alcol… non saprei nemmeno come usare o fare una canna.
    Ma vorrei far capire quanto e’ il beneficio in termini di umore, sonno e appetito … sono indescrivibili… ma perché c’e’ tanta reticenza? Io vorrei proprio provare ad assumerla per vedere se ne traggo davvero l’essenza della terapia. Purtroppo so che mi e’ impossibile finche’ non cambia qualcosa a livello legislativo.
    Aiutatemi se potete a condurre una vita “normale” per amore dei miei figli.
    Grazie

  27. Buongiorno a tutti e complimenti per il coraggio.
    Ho 49 anni e sono affetta da istiocitosi x con granuloma eosinofilio polmonare diffuso. Malattia appartenente alle patologie rare. All’epoca del primo intervento chirurgico (1995) mi fu consigliato in via del tutto ufficiosa dal mio pneumologo l’uso della cannabis come antiffiammatorio. Inutile e ripetitivo stare qui a raccontare dei benefici che provo qualora ne faccio uso (riprendo letteralmente a respirare, altrimenti annaspo). Ma, sia quel medico di cui sopra, che tutti gli altri che ho consultato, non sono disposti ad “esporsi”. Di conseguenza, come tantissimi prima di me, mi sono sempre rivolta al mercato della strada, con dispendio di tutti i miei risparmi e andando incontro, per la maggior parte delle volte, a materiale di scarsissima qualità. Sono rimasta senza lavoro, perchè la patologia è invalidante. Ma non riconosciuta.
    Oggi, disoccupata e senza una visione del futuro, non so più come poter fare. Vi chiedo, gentilmente, cosa poter fare per accedere ai vostri servizi.
    Vi ringrazio anticipatamente e spero di potervi sostenere presto.
    Buon lavoro a tutti.
    Antonella

  28. Buonasera sono raimondo ho 53 anni e da oltre 10 anni affetto dal Morbo di Crhon
    stato medio grave con dolori continui a tutto il basso ventre,spasmi al colon, inappetenza ed altre situazioni non piacevoli, a tale patologia si è affiancata la Spondilite Anchilosante e con relative conseguenze di dolore alla colonna vertebrale. Sono in cura con mesalazina e cicli di cortisone alto dosaggio.
    Fumando marijuana, che purtroppo compro sul mercato nero alimentando mio malgrado le organizzazioni criminali, riesco a mangiare (dalla diagnosi ho perso oltre 20 kg), e i dolori allo stomaco e alla schiena si affievoliscono, ho chiesto al mio medico di base di prescrivermi dei farmaci con THC, ma lo stesso con un sorriso da ignorante mi dice che non è possibile. Posso aderire alla vostra iniziativa, come fare.
    In attesa di un riscontro, invio cordiali saluti.
    Raimondo

  29. Ciao Raimondo, avendo diversi amici affetti dalla tua stessa patologia conosciamo quali sono gli ostacoli quotidiani da dover affrontare. Ti abbiamo inviato una mail…a prestissimo

  30. Ciao ragazzi e grazie per quello che state facendo, scrivo dalla provincia di padova, la mia domanda riguarda mia moglie, affetta da neurofibromatosi di tipo 2 diagnosticata 10 anni fa, ora ha 39 anni,è stata operata 4 volte al midollo spinale, una volta per una laminectomia decompressiva e tre per asportazione di epindemomi midollari ad ogni operazione seguivano mesi di riabilitazione e ogni volta si perdeva un po di autonomia.
    fino all’anno scorso riusciva ancora, sebbene con molta difficoltà a fare qualche decina di metri con il deambulatore ma ultimamente è intervenuta anche un’importante spasticità alle gambe e ora al massimo riesce a fare qualche metro ma solo se fortemente sostenuta da me, tra l’altro ha anche due neurinomi dell’acustico che le avevano già fatto perdere quasi totalmente il senso dell’equilibrio anni fa.
    Volevo chiedervi se pensate che potrebbe trovare un qualche beneficio dall’uso della canapa, se si, potete indicarmi come muovermi per farle almeno provare questo tipo di terapia senza rivolgerci alla strada?
    vi ringrazio anticipatamente per la risposta che vorrete darmi.
    Con ammirazione, Giorgio

  31. malato di epilessia certificata alla ASL, nel 2008 dopo 10 anni di barbiturici antiepilettici,mi sono fatto dal neurologo prescrivere la cannabis in alternativa di prova ma senza successo per la riluttanza del medico di base, Morale ho piantata 5/6 piantine e mi hanno arrestato. Adesso dopo 6 anni sto andando in cassazione per la mia ultima difesa dalla condanna di 2 anni e 8 mesi di reclusione.
    Non solo sono stato trattato come uno spacciatore, ma dopo tanta sofferenza ho dovuto affrontate anche le enormi spese per i processi!! Gli avvocati adesso si mostrano più ottimisti e fiduciosi ma sta di fatto che ancora oggi per uso terapeutico nessuno è disposto a presciverti il famaco alla cannabis, mentre con grande ipocrisia, le droghe pesanti quali sono i barbiturici antiepilettici il dottore di base te li prescrive in grande quantità se necessario e ovviamente gratis perche pagati dallo stato. Non c’è altro da aggiungere, speriamo in una assoluzione.
    Se avete consigli da darmi li ascolterò

  32. Ciao a tutti,
    mia madre soffre di fibromialgia, diagnosticata da qualche anno e da qualche anno viene trattata con antidepressivi e ansiolitici.
    Fino ad ora è stata curata principalmente con la duloxetina, per parecchi mesi i dolori sono attenuati poi regolarmente è necessario aumentare i dosaggi, ed affiancare il medicinale ad antidolorifici e antiinfiammatori.
    Oggi il medico le ha cambiato la cura perchè i dosaggi di medicinale che sarebbero necessari per calmare i dolori sono ormai diventati eccessivi, tanto che il servizio sanitario si è fatto sentire con il nostro medico per chiedere spiegazioni relativamente a questa terapia prescritta oramai da anni alla stessa persona in dosaggi sempre maggiori.
    A questo punto la terapia è diventata tizanidina + citalopram + ossicodone e naloxone cloridrato…
    E’ evidente che l’efficacia di antidepressivi e antidolorifici sulla fibromialgia è limitata, e i dosaggi devono essere regolarmente aumentati.
    Naturalmente la continua assunzione di questi farmaci ha generato problemi di gastrite fino alla formazione di ulcere gastriche, e esofagite da reflusso, quindi ai medicinali già assunti sono stati aggiunti tutti i classici gastroprotettori, antiacidi, inibitori di pompa protonica ecc.ecc.ecc.
    Ora la cosa che più mi spaventa è che il dolore continua ad aumentare e diventa sempre più invalidante, la continua assunzione di medicinali serve solo a limitare il costante dolore senza mai placarlo realmente e gli effetti sulla sua mente sono inaccettabili, è sempre più confusa, fatica a ricordare nomi, parole, a prendere decisioni e a concentrarsi, anche nelle piccole cose, e tutto questo all’età di soli 63 anni.
    Ho parlato a mia madre della possiblità di provare la marjuana e ovviamente lei si è spaventata moltissimo come tutti coloro che della marjuana sanno solo ciò che dice l’on.Giovanardi in TV …
    Qualcuno di voi sa qualcosa a proposito dell’utilizzo dalla marjuana in caso di fibromialgia, mi piacerebbe tranquillizarla tramite testimonianze di chi ha tentato questa via per affrontare il suo stesso problema,

    grazie mille

  33. ciao io sono d’accordo per tutto quello che tu hai detto,io mi curo da anni una forma di epilessia lieve,e ti assicuro che io ho subito violenze da parte del corpo di polizia, ma una cosa è certa io vado avanti e continuero a fumare perche mi fa stare bene….per il resto ti sono vicino ti stimo ed hai tutto il mio appoggio…..ciao da paolo…..

  34. Ciao Cora284,
    la fibromialgia rientra tra le patologie trattabili con la Cannabis Terapeutica.
    Ti invito a dare uno sguardo alla sezione Medical Info e di inviare una mail ai nostri esperti che ti risponderanno direttamente alla mail medicalinfo@lapiantiamo.it
    Un caro saluto…

  35. caro Maurizio,ai tempi avevo compiuto 18 anni da appena 2 giorni,ti posso assicurare che anche la mia vita e stata marchiata da queste persone,paladini della giustizia,semplicemente degli imbecilli autorizzati,privi di qualsiasi morale.Nutro un odio profondo verso questo tipo di persone senza scrupoli,senza dignita’,il quale unico scopo pare che sia quello di perseguitare onesti cittadini,facendosi grandi e potenti dentro quella divisa e dietro quella 9 millimetri che dovrebbero infilarsi su per il sedere, azionando il grilletto successivamente.
    Ma se solo pensiamo che viviamo in un paese dove il primo ad essere assurdo e corrotto e lo stato,viene semplice capire che automaticamente lo saranno anche questi “enti di pubblica sicurezza” stipendiati da noi tra l ‘altro!

  36. Salve a tutti, mi chiamo Enrico ho 31 anni e da circa 16 soffro di nevralgia del trigemino, un dolore al nervo che prende mascella,occhio orecchio, come piccole scariche elettriche in testa ed è un dolore atroce che mi debilita completamente qualsiasi funzione. In tutti questi anni ho provato le più svariate cure, dagli integratori abbinate con gocce per gli occhi per finire con il tolep 600 (antiepilettico) che non solo non mi ha risolto il problema ma mi ha reso molto già di morale e sempre di cattivo umore fino a quando ho preferito smettere. Premetto che faccio un uso sporadico di cannabis ma per uso ricreativo, lessi un vostro articolo sulle proprietà antidolorifiche e decisi di sperimentare rivolgendomi al mercato nero(mai in passato avevo associato la cannabis al mio dolore, anzi nei periodi non preferivo non consumarla). Dopo aver effettuato il mio “acquisto” da persone “perbene” ad un prezzo”giusto” e perlopiù una “qualità” superiore rientro a casa ed appena inizia la crisi provo ad assumerla, con mio grande stupore il dolore che mi affligge da 16 anni sparisce nel giro di qualche minuto, inizialmente ero un pò scettico non ci credevo, quindi ho provato nei giorni successivi e spariva tutto, riuscivo a dormire e non svegliarmi più nel sonno dal dolore atroce. Nei giorni seguenti mi reco all’asl(sono della provincia di Na) e comunico il tutto al medico del trattamento al dolore che conosce bene la mia situazione, mi dice che ne aveva sentito parlare però inizia a farmi domande del tipo: ” Ha poi sentito il bisogno o la necessità di assumere marijuana?” ed io gli rispondo che sento la necessità o il bisogno come vuole chiamarlo lui ogni qual volta ho il dolore. Mi promette di aggiornarsi alla settimana successiva . Passata la settimana il suo atteggiamento è cambiato totalmente, prima disponibile ed ora invece un pò seccatto e con delle risposte del tipp: Possono prescriverla solo determinati medici e per patologie specifiche e non credo che facciano al caso mio. Ora io mi domando ma se in 16 anni di cure tra antiepilettici e agopunture non hanno funzionato ed ora ho trovato per me un antidolorifico perchè non posso accedere? Sarei lieto se potreste farmi un pò di chiarezza e magari indicarmi come fare per accedere e non farmi più prendere in giro. Grazie

  37. ciao… sono un ragazzo di 30 anni… soffro di crisi depressive da un po di anni ma nn sono mai andato dal medico x farmi vedere,xche sapevo gia che mi avrebbe dato anti-depressivi. potete essemi di aiuto

  38. Ciao raga sono nicola.da ieri mi ritengo parte del Lapiantiamo, anche se lo sono sempre stato. Da 14 mesi nn assumo cannabis per scelta personale e per rispetto della mia famiglia. Arrivati ad oggi nn riesco più a camminare nn trattengo le urine e neanche le feci . Scusate la crudita ma nn sono supportato nemmeno dalla mia compagna che dovrebbe almeno secondo me per rispetto capire i miei problemi.vivo male ma forse un raggio di sole e’ arrivato e si chiama lucia william.

  39. soffro anche io dello stesso problema ed ho iniziato a curarmi con la cannabis flos 19% prescritta dal mio medico curante ed acquistata in farmacia. I dolori non mi sono passati ma è cambiato il mio modo di vederlo. Mi spiego, il dolore c’è ma da quando assumo giornalmente cannabis (nemmeno tanta: 0,30gr al di prima di dormire) non mi lascio più sconfiggere da esso, non sono più depresso, non ho avuto finora alcun effetto collaterale (sono passati 6 mesi da quando ho iniziato), lavoro più attivamente, con i miei figli sono più giocherellone, con mia moglie più tenero. infatti anhe mia moglie è contenta del mio cambiamento da quando ho iniziato questa terapia. Il dolore è rimasto purtroppo ma l’approccio psicologico al dolore a volte conta di più del dolore fisiologico. Io credo che per noi fibromialgici sia più indicato l’uso di cannabis con un contenuto maggiore di CBD rispetto al THC. Attualmente in Farmacia si trova solo il Cannabis Flos che contiene il 19% di THC e solo l’1% di CBD. Esistono all’estero combinazioni di cannabis nella quale il contenuto di CBD raggiunge anche il 10% mentre quello di THC scende al 9%. Vorrei provarlo ma ci tocca aspettare….

  40. Buongiorno ragazzi,sto cercando qui a La Spezia di accedere alla terapia facendo informazione per la nostra mission,con stupore e orgoglio anche ieri la farmacia più seria della provincia mi ha ringraziato dieci volte.soddisfazione. Qui nn siamo ancora partiti bene comunque qualcosa si muove.il 20 vado al centro antalgico e vediamo se passano:-) a presto info ciiiaaaauuuuu

  41. ho 52 anni e sono un soggetto allergico , ho iniziato a fumare cannabis a 30 anni per 15 non ho mai smesso di assumerla ,soffrivo di dolori mestruali ed era l unico farmaco che potevo prendere . eranoo 15 ann

  42. ciao a tutti , mi chiamo Elena e a 36 anni mi ritrovo per la seconda volta a lottare contro il cancro… Ho visto tutto il documentario di Rick Simpson e sono fermamente convinta che l olio funzioni !!!! Il problema é che nonostante i video sia suoi che vostri siano molto chiari io non sono in grado di farlo anche perché non so come procurarmi legalmente l Indica che é la qualità richiesta potete aiutarmi a sapere come farlo ad uso terapeutico? Potete aiutarmi? Grazie mille ah volevo chiedere anche un mio amico ha provato a farlo ma usando come solvente l olio d oliva dicendomi che però è puro THC dite che va bene comunque? L aspetto non è nero e colloso ma questo ragazzo è serio ed affidabile ed ha partecipato ad una coppa per olio terapeutico in Spagna in più non mi ha chiesto soldi dite che funziona ugualmente?

  43. Ciao Elena, ti diciamo a priori che è meglio fidarsi di ciò che arriva da fonti sicure e controllate, quindi occhio a quello che spendi per la tua salute.
    Ti arriverà una mail a breve con diverse informazioni, non ti resta che leggerla e risponderci.
    Un caro abbraccio…

  44. Buonasera,
    scrivo da Salve.
    Ho urgente bisogno per mia madre ammalata di cancro della mammella metastatico. Anni 72. Abbiamo interrotto le inutili cure chemioterapiche da pochi giorni. Prende potenti antidolorifici come terapia contro il dolore causato da una grossa metastasi sternale. Ho accennato alla possibilità di farne uso ma i medici ho l’impressione che non saprebbero da dove iniziare. Ho bisogno di indicazioni e di avere il preparato. Vorremmo toglierle i farmaci che assume sia per il dolore e sia per il controllo della febbre neoplastica (cortisone)
    Aspetto con ansia

  45. Salve Irene, purtroppo leggiamo con ritardo il tuo messaggio con la speranza che tu abbia scritto anche una mail privata e abbia ricevuto risposta.Ci sono medici qui in provincia di Lecce che prescrivono farmaci cannabinoidi ed estratti che sono anche reperibili in alcune farmacie territoriali. Se ti occorre avere informazioni chiamaci sui numeri di telefono che trovi nella sezione “contatti” qui sul nostro sito

  46. Salve, sono Vincenzo e ho 18 anni..per quanto sia giovane trovo molti benefici con la cannabis, in confronto ai miei coetanei. Soffro d’asma e dopo attente considerazioni ho notato che fumando l’asma passava, e gli effetti dell’allergia diminuivano radicalmente. Ho notato anche che fumando abitualmente (non troppo ovviamente) l’effetto si estendeva anche durante i momenti in cui ero lucido, aiutandomi quindi a respirare meglio. Purtroppo sono nato in un Paese in cui l’ignoranza la fa da padrona, e risulta difficile e rischioso trovare qualcosa che mi da veramente sollievo! credo molto in voi e spero che il vostro progetto vada avanti! Forza ragazzi!

  47. Salve ragazzi sono una paziente oncologica e vorrei provare ad utilizzare la cannabis per le mie cure.
    Ma non ho capito bene il meccanismo della Vs. Associazione.
    Oltre a diffondere la cultura della cannabis ad uso medicale, potete fornirla come associazione ai malati “certificati” che vi aderiscono?
    Potrei avere informazioni più dettagliate in privato?
    Vi ringrazio di combattere per noi, siamo in tanti e abbiamo bisogno di aiuto

  48. Stesso identico problema e stessa fascia di età… imbottirmi di psicofarmaci per la legge è ok… usare un medicinale che invece mi risulta efficacie no.

  49. Salve a tutti, ho un disperato e urgente bisogno di Olio di Canapa.
    Il cancro mi sta devastando… Non so se può farmi vincere questa battaglia ma per lo meno vorrei affrontare questi ultimi gg con dignità e coraggio. Spero in voi e nel vs aiuto

  50. io ho la fibromialgia e dopo molte telefonate scavalcando la burocrazia ho ottenuto una visita dove con molta probabilità mi verrà fornito il bedropuur in ssr.
    ma il punto è un’altro io ho fatto un ragionamento, in canada la ditta canna farms ltd
    vende il farmaco certificato a prezzi molto piu bassi da 1,75€/g iva e spedizione inc
    e non è l’unica in canada i prezzi sono molto piu bassi e i prodotti sono certificati come quelli olandesi con gli stessi controlli.
    io ho pensato se il ministero della salute importasse il farmaco da li si potrebbe avere un prodotto thc 10% cbd 0,1 a 10€ a flacone ma dato che le farmacie non fanno beneficenza e non tutti pensano di scavalcarle inoltrando il modulo apposito comunque si potrebbe ottenere una ampia gamma di farmaci cannabinoidi che vanno da 25 euro a 50€ direttamente in farmacia.
    ora vorrei sottoporre un mio pensiero un pò piu fantasioso dato che in italia la coltivazione per scopi medici richiede una burocrazia e una lotta legale/mediatica estrema. andare in uruguay e sottoporre la produzione industriale del farmaco al presidente majoca poichè li ha raggiunto il costo di 0,85 € al g. mandare li delle persone competenti per controllare e supervisionare la produzione industriale per poi organizzare l’importazione diretta qui. cosicchè sia chi ne ha estremamente bisogno sia chi preferisce questo farmaco ad altri in commercio per patologie minori (come l’asma cronica) possa avere il prodotto a prezzi estremamente accessibili anche con ricetta bianca.

  51. Sera a tutti. Volevo ringraziare tutti quelli che lottano x la nostra vita. Volevo dire come devo fare x capire quale olio e curativo? Xke sono andata in farmacia e ci sono più di uno quale e quello giusto?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.