Se tutto va bene…

16402728_10154978201312938_560062138838252569_o

Il 29 gennaio scorso è stato un giorno ricco di emozioni, com’era scontato che fosse, vissuto intensamente tra vecchi e nuovi amici in una sala comunale gremita più del previsto e con gli interventi di coloro che con coraggio stanno affiancando LapianTiamo in questo percorso che dura ormai da 4 anni come Sergio Blasi, Rita Bernardini, il Prof. Luigino Troisi, il Dott. Alessio Mercurio…

Ringraziando immensamente Stefano e Raffaele che hanno dato il loro prezioso contributo nella registrazione dell’intero dibattito per conto delle telecamere di Radio Radicale vi riproponiamo qui gran parte degli interventi e, qualora lo vogliate, vi invitiamo a prendere visione dell’intero documento video attraverso il sito ufficiale.

SERGIO BLASI, Consigliere Regione Puglia

RITA BERNARDINI, Presidente ad honorem LapianTiamo

ANDREA TRISCIUOGLIO E LUCIA SPIRI

LUCIA SPIRI E TESTIMONIANZA ANNA SANTORO

DOTT. ALESSIO MERCURIO, Neurologo e Consulente Scientifico LapianTiamo parte 1

DOTT. ALESSIO MERCURIO, Neurologo e Consulente Scientifico LapianTiamo parte 2

DOTT. ALESSIO MERCURIO, Neurologo e Consulente Scientifico LapianTiamo parte 3

DOTT. ALESSIO MERCURIO, RITA BERNARDINI, SALUTI FINALI

Per gli altri interventi cliccate qui. (Se riscontrate problemi nella visualizzazione vi consigliamo la visione attraverso il browser Google Chrome)

16299768_10154978200307938_9104000544177879848_o

Al termine del dibattito poi si è svolta una serata musicale di altissimo livello in una Racale che ha ospitato per la seconda volta, al Time, artisti e nomi del calibro di Mama Marjas, Don Ciccio, Treble, Puccia, Resina Sonora, Zakalicious, Mentaly Doof e tantissimi altri ovviamente tutti in un’atmosfera di festa, come non si vedeva da oltre 20 anni! Alterandosi uno dopo l’altro dietro una consolle tra le persone accorse in favore della mission e in supporto alla realtà di LapianTiamo gli artisti si sono esibiti tra le centinaia di appassionati, di curiosi e amici che sono accorsi da tutta la Puglia e in moltissimi anche da fuori regione per non mancare al secondo tempo di un evento che punta inevitabilmente a diventare qualcosa di sempre più importante, coinvolgente e che siamo certi in grado di diventare, così come le migliaia di molecole contenute in un fiore di Cannabis, un contenitore di sempre più menti e cuori che collaborano per una crescita collettiva non solo della comunità salentina ma anche della scena nazionale. Proiettati non solo verso le terapie ma anche verso lo star bene con il mondo che ci circonda continuiamo a progettare percorsi insieme a chi ci conosce e a chi ha il piacere di condividere con noi nuove esperienze. Un grazie infinito a chi ci sostiene, a chi ci crede, a chi conferma il suo “IO CI STO!” e a chi anche da lontano apprezza quello che sta accadendo da queste parti e vede il nostro operato come le base per cose nuove e belle.

Gazzetta del Mezzogiorno – 29/12/16

aa1

 

Il 28 dicembre Andrea Trisciuoglio, Lucia Spiri e William Verardi hanno visitato il Carcere di Lecce (Borgo San Nicola)  insieme a Rita Bernardini ed altri amici in qualità di Associazione LapianTiamo. Dalle 11:00 alle 18:00 circa, in compagnia del Comandante e della Direttrice Russo, hanno visitato e incontrato detenuti e detenute, funzionari e guardie ognuno con le loro storie, per conoscere da vicino la realtà di un penitenziario con le regole e i ritmi dettati da ore d’aria e ore in cella, turni di lavoro, programmi sperimentali e quant’altro si possa fare all’interno di quattro mura.

Stamattina è stato pubblicato invece un articolo nel quale sono raccolte alcune testimonianze dei pazienti  e Amici che chiedono meno burocrazia per ottenere la Cannabis terapeutica per trattare al meglio le loro patologie e così anche la Gazzetta del Mezzogiorno dedica 2 intere pagine all’argomento!

Nell’articolo di Pierangelo Tempesta vi sono riportati aggiornamenti ed esperienze reali non solo dei malati ma anche di un medico, il Dott. Mercurio (neurologo e ricercatore) che riporta il suo parere tecnico scientifico e riconosce nel lavoro di LapianTiamo un vero e proprio punto di svolta per la ricerca e l’abbattimento dei pregiudizi che, nella classe medica, sono quanto mai presenti.

Per una lettura completa dell’articolo basta cliccare sull’immagine per ingrandirla.

Buona lettura!

3 anni insieme a LapianTiamo

29gennaio2016FB

Evento presso la sede LapianTiamo, Centro Polifunzionale “Agorafollia” Via Piave 71, a Racale (LE).

Le battaglie sull’uso terapeutico intraprese negli anni, singolarmente, dai membri dell’Associazione con la successiva necessità di creare LapianTiamo e ciò che ne è scaturito grazie soprattutto al consenso e al supporto di migliaia di persone hanno cambiato la visione della Cannabis all’interno delle Istituzioni e soprattutto nelle case di moltissimi pazienti italiani. La presenza di una realtà come la nostra nelle corsie degli ospedali, nelle università e negli uffici governativi ci ha consentito di dare una spinta e una maggiore “credibilità” verso le conosciutissime proprietà terapeutiche della Cannabis rivalutandone con testimonianze ed evidenze scientifiche i molteplici benefici ottenuti. Continuiamo quotidianamente ad affiancare, personalmente, le storie di pazienti che in ogni regione d’Italia chiedono informazioni su come avere accesso a queste terapie e come fattivamente raggiungere il farmaco verde.

Venerdì 29 Gennaio 2016, in occasione del 3° compleanno, LapianTiamo organizza una giornata tutti insieme dedicata ai nuovi Amici e invita chiunque sia interessato ad informarsi sull’utilizzo di cannabinoidi a partecipare al dibattito informativo sulla Cannabis terapeutica previsto nel pomeriggio. Affronteremo tanti temi in compagnia di coloro che in questi anni hanno coraggiosamente voluto credere nella nostra “affamata” richiesta di supporto medico/scientifico e sarà un’occasione di confronto, di festa e di incoraggiamento reciproco verso l’ormai vicina, siamo certi, realizzazione della nostra mission. Leggi tutto “3 anni insieme a LapianTiamo”

Italia chiama Europa

image

Lunedì 11 luglio una delegazione italiana composta anche dal nostro segretario Andrea Trisciuoglio ha portato a Bruxelles le problematiche italiane che noi malati viviamo in prima persona. A breve comunicheremo le soluzioni prospettate per questa “war on drug” dai troppi effetti collaterali. Ecco il Comunicato che l’Associazione LapianTiamo ha preparato per l’occasione cercando di dare voce a tutti coloro che chiedono di accedere alle terapie con prodotti cannabinoidi:

L’associazione LapianTiamo è tra le prime realtà nazionali a parlare di Cannabis terapeutica in Italia dando voce prima di tutto ai malati costretti a subire le ingiustizie legate ad una legge poi dichiarata anticostituzionale (la criminogena Fini-Giovanardi). Per i malati fondatori è stato obbligatorio percorrere strade impervie compiendo scelte definite da molti azzardate raggiungendo obiettivi apparentemente lontanissimi, come l’atto di piantare semi di cannabis all’interno di un palazzo governativo con la “complicità” dell’amica e Segretaria dei Radicali Italiani Rita Bernardini.
I membri del Direttivo dell’Associazione LapianTiamo sono fra i primi in Italia ad aver avviato le pratiche di importazione dall’estero di farmaci cannabinoidi in infiorescenze direttamente tramite farmacie ospedaliere legate al Servizio Sanitario Regionale.
I malati più “fortunati” e tristemente, quindi, coloro affetti da patologie gravi e importanti si vedono riconosciuta la gratuità sull’acquisto. La stessa cosa non avviene purtroppo per i malati affetti da patologie definibili forse “meno importanti” che si vedono costretti a rinunciare alle terapie con cannabinoidi a causa soprattutto dei costi assurdi attualmente praticati in Italia (dai 23 ai 70 euro al grammo!).

L’Associazione LapianTiamo, dalla nascita avvenuta nel gennaio 2013 fino ad oggi, ha svolto un lavoro di ricerca focalizzato principalmente sulle conoscenze legate agli effetti terapeutici di questa pianta dispensando informazioni utili a oltre 15.000 malati e familiari, a tantissimi medici e operatori sanitari consentendo l’accesso a molti pazienti alle terapie con prodotti cannabinoidi attivando l’operato di medici prescrittori nei reparti di neurologia, oncologia e terapia del dolore di mezza Italia. A tal proposito LapianTiamo è stata l’Associazione organizzatrice della prima Puglia Cannabis Conference tenutasi a Lecce il 24 maggio 2014 con la presenza di 10 relatori intervenuti dalla Spagna, dalla Svizzera e dall’Universitá La Sapienza di Roma per parlare di cannabis come trattamento in patologie importanti, davanti a centinaia di persone accorse da tutta Italia per partecipare all’importantissimo evento.
Con oltre 300.000 contatti ricevuti in meno di 3 anni dalla nascita ad oggi LapianTiamo ha certamente contribuito alla diffusione non solo della conoscenza della Cannabis in medicina ma anche alla rivalutazione della canapa che da “anticamera delle droghe pesanti” viene finalmente riconsiderata una valida alternativa terapeutica in malattie anche gravemente invalidanti come la Sclerosi Multipla, la Sla, i tumori, il dolore cronico e tantissime altre.
Con un Progetto Pilota sulla coltivazione di Cannabis controllata in Puglia pronto a partire vogliamo affermare il diritto alla cura, alla conoscenza e all’affermazione di una nuova primavera terapeutica.

Associazione LapianTiamo

Intervista radiofonica ad Andrea Trisciuoglio

Il 31 marzo è andata in onda quest’intervista fatta ad Andrea Trisciuoglio durante la trasmissione “Border Nights” di Web Radio Network e New Life Radio.
Nella prima mezz’ora è possibile ascoltare direttamente dalla voce del nostro Segretario quanto avvenuto lo scorso 27 marzo in seguito alla perquisizione e sequestro del farmaco Bedrocan.

Un ringraziamento a tutti coloro che inviano messaggi e supportano Lapiantiamo.

Pubblico ufficiale, avvertimento!

IMG-20150326-WA0004
IMG-20150326-WA0004

 

Venerdi 27 marzo 2015, fonte ADUC – Storia di un caso “irreale”… succede anche a noi. Cannabis terapeutica. Attenti ad essere malati e militanti… il caso Trisciuoglio. Riportiamo la cronaca di quanto accaduto ieri al segretario dell’associazione LapianTiamo, cannabis social club di Racale-Lecce (l’unico in Italia) impegnato in prima linea per l’uso della cannabis terapeutica che, pur essendo legalizzata (anche con leggi regionali), e’ molto difficile da reperire sul mercato sanitario.

Come da verbale: l’anno 2015 addì 26 marzo ore 11:00 circa, in considerazione dell’atteggiamento sospetto (avevo 2 stampelle che facevano paura), nonché dal fatto che venivo fermato in una zona ad alta densità di spaccio (sotto casa di mio padre in zona centralissima: sapevo ma di extracomunitari). Dopo essere stato fermato noto variare l’atteggiamento delle FF.OO. non appena sentivano odore di cannabis provenire dall’auto subito mostravo loro il barattolino di bedrocan e per dire che se avevano dubbi avevo anche il barattolino chiuso, allora hanno ben pensato di sequestrarmeli entrambi. A un certo punto ho rischiato di sentirmi sbattere a terra dal nervosismo quando mi portano in caserma per verbalizzare il tutto. L’unica colpa? Curare la mia sclerosi multipla con la cannabis che l’ospedale mi da’ da 7 anni. Nel tragitto verso la caserma e nelle 5 ore trascorse lì, lo facevo notare ai gendarmi che volevano scovare (ancora una volta) qualcosa di illegale su di me. Ma l’assurdità è quando rinvenivano sul cruscotto un barattolino di bedrocan con dentro un germoglietto di canapa industriale che porto abitualmente a seguito. A nulla è servito far presente che al primo piano di quella caserma c’era il team che aveva perquisito la mia abitazione il 29 giugno 2010 per aver acquistato online 5 semi di cannabis. A nulla serviva la mia amicizia col comandante loro (avevo diritto -sulla classica scena da film- a fare una sola telefonata all’avvocato). Insomma la storia si ripete ancora.

Andrea Trisciuoglio  Segretario LapianTiamo


Tutto questo avveniva ieri in Puglia, regione che ha deliberato all’unanimità una legge che approva il nostro Progetto Pilota sulla coltivazione di Cannabis destinata all’uso terapeutico. Le scuse non varranno certamente quanto le accuse, che di fondamento hanno solo il colore grigio dell’asfalto e del cervello. Leggi tutto “Pubblico ufficiale, avvertimento!”

Convegno Grottaglie del 22 Novembre 2014

Ecco il video integrale del Convegno sulla Cannabis Terapeutica tenutosi a Grottaglie (Taranto) il 22 novembre scorso al quale hanno partecipato come relatori l’attuale Assessore alla Salute Donato Pentassuglia, il Consigliere Sergio Blasi, il Dottor Alessio Mercurio (Neurologo e Ricercatore presso l’Università La Sapienza di Roma), e alcuni membri del Direttivo dell’Associazione LapianTiamo.

L’evento è stato organizzato dall’Associazione “VITE DA COLORARE” (Associazione Jonica Malattie Rare e Neurologiche Gravi) e in primis dal Presidente stesso nonchè padre della bellissima Serena, il Prof. Massimo Quaranta.

La partecipazione degli oltre 200 presenti è stata altissima dal primo all’ultimo istante e gli interventi che si sono susseguiti dai politici al medico, dall’Associazione LapianTiamo alle testimonianze dei pazienti, hanno avuto la funzione di vero e proprio “collante” per l’attenzione di tutti. Leggi tutto “Convegno Grottaglie del 22 Novembre 2014”

Buon compleanno LapianTiamo

manifesto wall 00

Si parlerà di cannabis terapeutica nell’incontro che si svolgerà Mercoledì 29 gennaio 2014, a Foggia, nella Sala Rosa del Palazzetto dell’Arte.

Al Convegno, dal titolo “Cannabis terapeutica: dalla cura proibita…alla cura possibile”, parteciperà il Segretario di Radicali Italiani Rita Bernardini, anche nella sua veste di Presidente ad honorem di LapianTiamo nata proprio un anno fa, a Racale (in provincia di Lecce), grazie all’intuizione e al coraggio di Andrea Trisciuoglio e Lucia Spiri, rispettivamente Segretario e Presidente di LapianTiamo, e al lavoro di tante altre persone, soprattutto malati, che si curano con la cannabis. Leggi tutto “Buon compleanno LapianTiamo”

Ecco le conferme

foto le iene

Sappiamo di essere in molti a dire che grazie alla canapa riusciamo a condurre una vita dignitosa, a volte ci chiediamo quanto extra-terrestre possa apparire quella ragazza là in alto nella foto…Forse anche Matteo Viviani, durante l’intervista a Lucia nel servizio dedicato a LapianTiamo andato in onda su Le Iene il 19/11/2013, si sarà chiesto quanto alienante fosse quel sorriso che spuntava dopo una “terapia” (sigaretta con il Bedrocan) assunta in riva al mare. E così come Lucia abbiamo visto le testimonianze degli amici Andrea affetto da Sclerosi Multipla, Lallo che invece 13 anni fa è rimasto su una sedia a causa di un intervento sbagliato e infine Roby, anche lui costretto su una sedia a rotelle da ormai 22 anni e vittima di una grave ingiustizia… Leggi tutto “Ecco le conferme”

Nessun blocco dal Ministero…solo ferie negli ospedali!

boccaverita1

Nelle settimane appena trascorse abbiamo ricevuto notizie di un ipotetico blocco da parte del Ministero sulle importazioni di Bedrocan a favore di un altro farmaco totalmente differente sia come metodi di assunzione che come dosaggi e ci siamo subito chiesti se ci fosse stato mai un giorno in cui un “folle” si sarebbe assunto la responsabilità di interrompere la continuità terapeutica dei pazienti che attualmente sono in cura con il Bedrocan. In tantissimi ci avete contattato per chiedere informazioni in merito e voi stessi ci avete segnalato medici e ospedali che si inventavano finte liste d’attesa, protocolli telematici inesistenti, crampi improvvisi alla mano (quindi impossibilità a firmare e timbrare la ricetta medica…). E noi, certi delle comunicazioni che ci arrivavano direttamente dalle farmacie ospedaliere, rassicuravamo tutti dicendo che ovviamente i medici avrebbero fatto distinzione tra il Bedrocan (in infiorescenze) e il Sativex (spray sublinguale che contiene solo due degli oltre seicento principi attivi della canapa, il THC e il CBD). La scorsa settimana invece, proprio da parte del neurologo che ogni mese, da anni ormai, prescrive il farmaco ad Andrea. Lucia e altri pochi pazienti che solitamente usiamo definire come “fortunati”, è arrivato lo stop all’importazione senza una reale motivazione e con “sospetti” riferimenti ad un cambio del piano terapeutico con il sopracitato spray. In poche ore ci siamo organizzati e in collegamento diretto con un Dirigente del Ministero della Sanità – Ufficio Centrale Stupefacenti abbiamo Leggi tutto “Nessun blocco dal Ministero…solo ferie negli ospedali!”